Figure Professionali
Professioni

Dirigente di organizzazione no-profit

Imprenditore sociale

Il/La DIRIGENTE DI ORGANIZZAZIONE NON PROFIT gestisce e coordina le attività di un’organizzazione non profit. Il dirigente recepisce e/o partecipa a determinare gli obiettivi programmatici insieme all’assemblea dei soci/membri dell’organizzazione (e al consiglio direttivo), conformemente alle funzioni di utilità sociale definite dallo statuto. Elabora e individua i progetti da sviluppare o a cui partecipare per realizzare tali obiettivi, pianifica la loro realizzazione e coordina le attività quotidiane dell’organizzazione. Si occupa inoltre, insieme a figure specializzate, di procurarsi le risorse finanziarie necessarie, ricorrendo a diversi strumenti di finanziamento, quali la partecipazione a bandi cittadini/regionali/europei/privati, la raccolta di fondi tramite donazioni di privati (fundraising), la gestione di attività commerciali, purché volte esclusivamente a coprire le spese dell’organizzazione per i fini stabiliti e non a generare profitto. Il dirigente si occupa anche del controllo di gestione e dell’amministrazione finanziaria dell’organizzazione, predisponendo la documentazione utile alla redazione dei bilanci. Incontra inoltre gli stakeholder e i partner dell’organizzazione, creando rete con altre associazioni/enti non profit, mantiene i rapporti istituzionali e sovrintende alle campagne comunicative dell’organizzazione, curando l’immagine complessiva dell’ente. 

leggi tutto

Figure di prossimità

Quali norme regolano la professione

Non vi sono norme specifiche che regolano la professione. Non vi sono albi specifici e/o titoli specifici per accedere alla professione.

L’attività di una organizzazione non profit è disciplinata dalle norme sul Terzo Settore. Il Decreto Legislativo 3 luglio 2017, n. 117 (“Codice del Terzo Settore”) ha modificato recentemente il quadro legislativo cui sono sottoposti gli enti del settore non profit. In particolare ha introdotto il Registro Unico nazionale del Terzo Settore e la nuova figura degli Enti del Terzo Settore. 

Le organizzazioni non profit che vogliano acquisire personalità giuridica (e diventare Ente del Terzo Settore) dovranno iscriversi al Registro Unico. L’iscrizione richiede tuttavia l’esistenza di un patrimonio minimo, che equivale a 15.000 euro per le associazioni e a 30.000 euro per le fondazioni. Le organizzazioni già esistenti (costituitesi in base alle norme precedenti) dovranno ugualmente iscriversi al Registro Unico, con gli stessi requisiti di accesso.

Il nuovo Codice del Terzo Settore pur essendo entrato in vigore, non è ancora efficace in quanto i decreti attuativi non sono ancora stati emanati.

Livello EQF

VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici.

Percorso formativo formale

Non vi sono norme specifiche che regolano la professione. Non vi sono albi specifici e/o titoli specifici per accedere alla professione.

Percorso formativo consigliato

Per dirigere un’organizzazione non profit sono necessarie una buona conoscenza delle norme sul terzo settore e dei meccanismi di finanziamento (in particolare il sistema dei bandi), buone abilità organizzative e ottime capacità relazionali. Le competenze specialistiche relative all’attività sociale dell’organizzazione variano a seconda del campo di intervento.

 

Per lavorare nel mondo del Terzo Settore è spesso necessario avvicinarsi attraverso la partecipazione volontaria a progetti e attività di organizzazioni non profit. La collaborazione a specifici progetti di un’organizzazione, in cambio di una mero rimborso/indennità è una via diffusa per entrare a farne parte. Anche il Servizio Civile Universale può essere una strada valida per imparare a conoscere e farsi conoscere da enti del Terzo Settore.

 

Un’altra strada è la fondazione in proprio di organizzazioni non profit. Specie negli enti più piccoli il dirigente coincide frequentemente con il fondatore dello stesso.

Video

Le interviste ai professionisti e gli approndimenti sui luoghi di lavoro.

Guarda i video

Statistiche

Analizza le statistiche del mercato del lavoro.

Guarda le statistiche