Figure Professionali
Professioni

Perito geotecnico, Perita geotecnica

Perito industriale, Perito minerario

Il PERITO GEOTECNICO lavora nei cantieri per la costruzione di opere sotterranee come tunnel, viadotti, dighe, ecc., impiegando competenze relative ai giacimenti minerari e al rischio sismico, idrogeologico e ambientale. Il perito collabora nella conduzione dei cantieri, aiutando a determinare la pericolosità idrogeologica e geomorfologica, attraverso tecniche di campionamento e prove. Esegue le ricerche e le analisi necessarie per rilevare le caratteristiche di cave e giacimenti minerari o di altri prodotti del sottosuolo, sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo, ai fini della loro estrazione, analizzando in seguito i materiali estratti. Può studiare inoltre le caratteristiche di siti inquinati, al fine di condurre bonifiche ambientali. Il perito geotecnico può avere l’incarico di supervisionare e coordinare le attività estrattive, controllando anche la sicurezza dei cantieri minerari.

leggi tutto

Figure di prossimità

Quali norme regolano la professione

Per diventare PERITO GEOTECNICO è necessario iscriversi all’Ordine dei periti industriali.

L’accesso all’ordine, che avviene mediante superamento dell’Esame di stato, è disciplinato dalla Legge 89/2016, modificante la Legge 17/1990. Essa stabilisce come requisito per l’accesso all’Esame di stato il possesso della laurea triennale in Scienze geologiche (L-34), Scienze dell’architettura (L-17), Scienze e tecniche dell’edilizia (L-23), Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale (L-21), Ingegneria civile e ambientale (L-7), Ingegneria dell’informazione (L-8), Ingegneria industriale (L-9), Scienze e tecnologie agrarie e forestali (L-25), Scienze e tecnologie agro-alimentari (L-26), Scienze e tecnologie chimiche (L-27), Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda (L-3), Scienze e tecnologie fisiche (L-30), Scienze e tecnologie informatiche (L-31) o Disegno industriale (L-4). Stabilisce inoltre l’obbligo di svolgere un periodo di praticantato di 6 mesi, che può essere assolto anche durante il corso degli studi in convenzione con l’università.

In via transitoria, fino al 2021, l’accesso all’Esame di stato è consentito anche ai diplomati degli Istituti Tecnici, previo svolgimento di un periodo di praticantato di 18 mesi. 

Livello EQF

VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici

Percorso formativo formale

Per diventare PERITO GEOTECNICO è necessario iscriversi all’ordine dei Periti industriali, nella sezione Industrie minerarie. L’iscrizione all’ordine è subordinata al superamento dell’apposito Esame di stato. 

Si può accedere all’Esame di stato per la sezione Industrie minerarie dell’albo con i seguenti requisiti:

  • conseguimento della laurea triennale in Scienze geologiche (L-34);
  • svolgimento di un tirocinio di 6 mesi, che essere fatto anche nel corso degli studi universitari come tirocinio curriculare. 

In alternativa, fino alla sessione del 2021:

  • conseguimento del diploma presso Istituto tecnico 
  • svolgimento di un tirocinio di 18 mesi.

l periodo di praticantato deve essere svolto presso un Perito Industriale libero professionista, un Ente, una Società ovvero altri liberi professionisti, di cui all’art. 2, comma 4 della Legge 2 febbraio 1990, n. 17, che ammettono il praticante a frequentare il proprio studio. Il praticantato deve consentire di acquisire la pratica professionale nella propria area di specializzazione (in questo caso Industrie minerarie)

Video

Le interviste ai professionisti e gli approndimenti sui luoghi di lavoro.

Guarda i video

Statistiche

Analizza le statistiche del mercato del lavoro.

Guarda le statistiche