Figure Professionali
Professioni

Restauratore, Restauratrice

Il RESTAURATORE di beni culturali è il professionista che definisce lo stato di conservazione e mette in atto un complesso di azioni dirette e indirette per limitare i processi di degrado dei materiali costitutivi dei beni e assicurarne la conservazione, salvaguardandone il valore culturale. Svolge inoltre attività di documentazione, ricerca, sperimentazione, divulgazione nel campo della conservazione dei Beni Culturali.

leggi tutto

Figure di prossimità

Quali norme regolano la professione

La figura del RESTAURATORE di beni culturali è chiaramente definita dalla normativa vigente, a partire dal Codice dei Beni Culturali (D.Lgs. 42/04), fino ad arrivare al Regolamento emanato con Decreto del Ministero per i Beni e le Attività Culturali n. 86 del 26 maggio 2009.

 

Il titolo di Laurea Magistrale Abilitante in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali (classe LMR/02) conseguito al termine dei cinque anni dà diritto all'inserimento nell'Elenco dei Restauratori di Beni Culturali, previsto dal Codice dei Beni Culturali (D.Lgs. 42/2004 art. 182 co. 1-bis).

Per maggiori informazioni si vedano le  Linee guida applicative dell’articolo 182 del Codice dei Beni culturali e del Paesaggio (http://www.beniculturali.it/mibac/multimedia/MiBAC/documents/1409838432762_Linee_guida_art._182_Codice_dei_beni_culturali.pdf)

Livello EQF

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Dove lavora? Ambienti e organizzazione

Il RESTAURATORE può lavorare in:

Laboratori ed imprese di restauro

operano sulla conservazione ed il restauro di beni  culturali.  Si tratta spesso di soggetti qualificati a svolgere anche lavori pubblici, che hanno conseguito specifiche certificazioni (es. SOA).

Istituzioni del Ministero dei Beni e Attività Culturali preposti alla tutela dei Beni Culturali

soprintendenze, musei, biblioteche, archivi, ecc.

Aziende ed organizzazioni professionali del settore

per maggiore dettaglio a riguardo si rimanda alla sezione "INFO"

Istituzioni ed Enti di ricerca pubblici e privati operanti nel settore della conservazione e restauro dei beni culturali

Università, CNR, INF, ecc.

Quali sono le condizioni di lavoro?

Il RESTAURATORE può lavorare come dipendente all’interno di una struttura pubblica, a seguito del superamento di un concorso pubblico, o di un laboratorio privato.

Più spesso, tuttavia, opera come lavoratore autonomo in un proprio laboratorio (avendo ottenuto l'autorizzazione dall'ASL per l'area adibita a laboratorio) o all’interno di un’impresa specializzata. 

L’orario di lavoro di coloro che lavorano alle dipendenze di una società/ente pubblico è regolato dal contratto e, in genere, non supera le otto ore giornaliere. Per coloro che operano in forma autonoma o in alcune fasi del restauro, i ritmi di lavoro possono intensificarsi.

A causa della fragilità o delle dimensioni di alcuni oggetti, o nei casi di interventi su strutture architettoniche, il RESTAURATORE può dover operare fuori dal proprio laboratorio. E’ richiesta quindi una certa flessibilità.

Per gli interventi su beni architettonici (stucchi, dipinti murali, mosaici…) può essere necessario operare su ponteggi. Inoltre, quando le caratteristiche del restauro lo richiedono, il Restauratore deve dotarsi degli opportuni equipaggiamenti di sicurezza e di protezione individuale.

Al RESTAURATORE, indipendentemente dal contesto in cui si trova ad operare, viene richiesto un elevato grado di autonomia, dovendo definire i compiti, le priorità e gli obiettivi del suo lavoro. E’necessario che agisca in modo molto accurato, poiché il rischio di commettere errori è elevato, con serie conseguenze sul bene su cui si sta intervenendo.

Nell’esercizio della sua professione, collabora con un eterogeneo team di professionisti (Funzionari degli Enti di Tutela, Storici dell’Arte, Archeologi, Architetti, Chimici, Fisici, Geologi, ecc.) e ha mansioni di coordinamento e direzione dei lavori.

Attività e competenze

ATTIVITÀ
COMPETENZE

Esame e valutazione dello stato di degrado e della necessità di intervento

  • Ricercare documentazione per la ricostruzione storico-culturale del bene
  • Studiare, analizzare e interpretare, in collaborazione con altre professionalità, i dati relativi a materiali costitutivi, tecniche esecutive e stato di conservazione dei beni
  • Valutare l’incidenza delle condizioni ambientali sul degrado

Progettazione dell’intervento

  • Definire la tipologia di interventi  da effettuare anche alla luce di valutazioni  dei rischi connessi all’intervento (progetto esecutivo)
  • Valutare i vincoli normativi
  • Valutare metodi e strumenti
  • Pianificare tempi di realizzazione
  • Redigere le schede tecniche previste dalla normativa di settore e dalla normativa sugli appalti pubblici in relazione all’intervento da attuare

Intervento conservativo o di restauro – anchein collaborazione con gli altri operatori che svolgono attività complementari al restauro

  • Eseguire i trattamenti conservativi e di restauro
  • Verificare la congruità e la corretta esecuzione dei lavori
  • Coordinare le attività degli addetti ai lavori
  • Interagire con altri professionisti dei Beni Culturali (Storici dell’Arte, Esperti Scientifici, Architetti ...)
  • Redigere relazioni tecniche delle varie fasi del restauro e/o linee guida per la cura e la manutenzione

Ricerca, sperimentazione, didattica Documentazione e divulgazione - svolge attività di ricerca, sperimentazione e didattica nel campo della conservazione

  • Sperimentare materiali, apparecchiature e metodologie di intervento di restauro e conservazione
  • Curare la progettazione e la realizzazione di programmi educativi riferiti ai temi di propria competenza e dei materiali didattici ed editoriali ad essi attinenti
  • Gestire l’eventuale attività didattica e di comunicazione relativa ai contenuti e agli strumenti professionali specifici

Quali conoscenze è necessario avere?

Conoscenze specialistiche

  • Attività pratico-laboratoriali di restauro
  • Archeologia classica e medievale
  • Biologia applicata al restauro
  • Chimica dei beni culturali e del restauro
  • Disegno e documentazione grafica
  • Fisica applicata ai beni culturali
  • Materiali lapidei
  • Materiali per la conservazione ed il restauro
  • Metodi fisici per il restauro
  • Mineralogia applicata ai beni culturali
  • Principi e tecniche di controllo ambientale
  • Progettazione interventi
  • Storia dell’arte e dell’architettura
  • Tecnologia e conservazione dei manufatti lignei
  • Tecnologie informatiche e multimediali applicate alla tutela e al restauro
  • Teoria e storia del restauro

Conoscenze generali

  • Economia aziendale
  • Legislazione dei beni culturali
  • Museologia
  • Lingua inglese lingua straniera (livello tecnico scientifico)

Che cosa deve saper fare?

Abilità specialistiche principali

  • Applicare – anche in collaborazione con altre professionalità - criteri di studio, analisi, interpretazione dei dati relativi a materiali costitutivi, tecniche esecutive, stato di conservazione dei beni
  • Applicare criteri di valutazione degli strumenti, delle tecniche e delle metodologie per il restauro
  • Applicare metodiche e tecniche di restauro
  • Sperimentare nuovi materiali, apparecchiature e metodologie di intervento di restauro e conservazione
  • Curare attività didattiche e divulgative nel campo della conservazione e restauro dei Beni Culturali
  • Applicare criteri di valutazione dei tempi e delle modalità di esecuzione di un intervento

Abilità generali principali

  • Applicare tecniche di verifica delle procedure e delle normative
  • Gestire le interazioni con altri professionisti
  • Coordinare le attività degli addetti ai lavori
  • Applicare procedure di redazione di relazioni tecniche su interventi effettuati
  • Applicare standard di qualità e sicurezza
  • Utilizzare dispositivi di protezione individuale

Quali comportamenti lavorativi deve sviluppare?

Accuratezza

operare con precisione, minimizzando gli errori e ponendo una costante attenzione alla qualità e al controllo dei risultati del lavoro

Collaborazione-Cooperazione

lavorare in modo costruttivo e in sinergia per il raggiungimento degli obiettivi comuni, condividere progetti, informazioni e risorse

Percorso formativo formale

Per accedere alla professione di RESTAURATORE è necessario conseguire il titolo di laurea magistrale in Conservazione e restauro dei beni culturali - abilitante ai sensi del D.Lgs n.42/2004 - (LMR/02).

Il percorso formativo interdisciplinare si basa su materie umanistiche, scientifiche e tecniche e prevede l'approfondimento delle tecniche artistiche viste anche nel loro contesto storico, dei materiali e metodi per la loro conoscenza e conservazione, e del controllo e prevenzione dei processi di degrado.

L’offerta formativa tiene conto di una pluralità di percorsi formativi (attivabili o meno a seconda delle opportunità). L’Università di Torino offre i seguenti percorsi:

  1. Materiali lapidei e derivati; superfici decorate dell'architettura
  2. Manufatti dipinti su supporto ligneo e tessile, Manufatti scolpiti in legno, Arredi e strutture lignee, Manufatti in materiali sintetici lavorati, assemblati e/o dipinti
  3. Materiali e manufatti tessili e pelle
  4. Materiali e manufatti ceramici e vitrei, Materiali e manufatti in metallo e leghe
  5. Materiale librario ed archivistico, Manufatti cartacei e pergamenacei, Materiale fotografico, cinematografico e digitale

 

il DM 87/2009, tuttavia, prevede anche il seguente percorso (non offerto dall’Università di Torino): Strumenti musicali - Strumentazioni e strumenti scientifici e tecnici.

Per ulteriori e più precise informazioni si rimanda, quindi, al sito del corso di laurea offerto dall’Università di Torino (si guardi il Manifesto deglli Studi).

Come si sviluppa la carriera?

Interessanti occasioni occupazionali sono legate anche a settori di nicchia come il restauro di manufatti tessili o manufatti in ceramica, vetro e metalli. Sono frequenti anche le opportunità di lavoro all’estero dove i restauratori italiani sono molto apprezzati per la loro preparazione professionale.

Informazioni

www.beniculturali.it - Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

http://www.ari-restauro.org - ARI - Associazione Restauratori d’Italia che tutela la professione di restauratore di beni culturali e contribuisce alla qualificazione professionale attraverso l’organizzazione di incontri, convegni e seminari

http://www.ecco-eu.org/ - ECCO - European Confederation of Conservator-Restore’s Organisation di Bruxelles, che raccoglie associazioni di conservatori e restauratori dei vari paesi europei

http://cesmar7.org/ - CESMAR7 - Centro per lo Studio dei Materiali per il Restauro

http://www.charismaproject.eu/ - CHARISMA - Cultural Heritage Advanced Research Infrastructures

http://heritageportal.eu/ - HERITAGE PORTAL - Research Connect Discover

http://www.iccrom.org/ - ICCROM - International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property

http://www.igiic.org/ - IGIIC - International institute for conservation - Gruppo Italiano

http://www.netheritage.eu/index.aspHeritage - NET-HERITAGE European network on research programme applied to the Protection of Tangible cultural

http://www.restauratorisenzafrontiere.com/ - RESTAURATORI SENZA FRONTIERE - Onlus/Italia

http://www.yococu.com/ - YOCOCU - YOuth in COnservation of CUltural Heritage

Video

Le interviste ai professionisti e gli approndimenti sui luoghi di lavoro.

Guarda i video

Statistiche

Analizza le statistiche del mercato del lavoro.

Guarda le statistiche