Figure Professionali
Professioni

Direttore di produzione, Direttrice di produzione

Organizzatore di produzione

Il DIRETTORE DI PRODUZIONE gestisce attività connesse a produzioni televisive, cinematografiche, teatrali o a grandi manifestazioni. Segue tutte le fasi di realizzazione, definendo i piani di lavorazione e coordinando il team di risorse umane impegnate nel processo di produzione. È garante del rispetto degli obiettivi, delle scadenze temporali e dei vincoli di budget prefissati. Nel cinema, in particolare, riveste un ruolo fondamentale di trait-union tra: il regista responsabile della parte artistica, la troupe tecnico-logistica, di cui è responsabile, e il produttore che si occupa di aspetti finanziari e promozionali.

leggi tutto

Figure di prossimità

Quali norme regolano la professione

Non esistono norme specifiche che regolano la professione

Livello EQF

VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Che cosa fa

Attività

Descrizione

Partecipa alla progettazione esecutiva di un prodotto audiovisivo, teatrale o pubblicitario

 analizzando la sceneggiatura e verifica la fattibilità individuando le risorse materiali e umane necessarie alla realizzazione del progetto

Elabora il piano/programmazione delle attività di produzione

 stabilendo i tempi, i luoghi della produzione e distribuisce i carichi di lavoro tra le diverse figure professionali che intervengono nel processo

Coordina la struttura tecnica di produzione

 garantendo la realizzazione quotidiana delle attività produttive, dagli aspetti logistici, materiali a quelli legati alle risorse umane

Effettua la valutazione finale delle attività produttive

 garantendo la qualità del prodotto finale, il rispetto dei tempi e del preventivo economico

Dove lavora? Ambienti e organizzazione

Il DIRETTORE DI PRODUZIONE può lavorare in:

teatro

 

oltre agli ambienti tradizionali, negli ultimi anni il teatro è entrato in luoghi non convenzionali: piazze, parchi e strade che sono stati trasformati in spazi scenici dal “teatro di strada” al fine di creare un filo diretto con gli spettatori

 

 

cinema

 

 

 

televisione

 

 

 

Il DIRETTORE DI PRODUZIONE è una figura trasversale a molti settori dello spettacolo, può infatti operare nell’ambito di produzioni cinematografiche, televisive o teatrali, oppure nella realizzazione di progetti pubblicitari e nell’organizzazione di grandi manifestazioni.

TEATRO

Il DIRETTORE DI PRODUZIONE teatrale solitamente coincide con il direttore artistico. Egli si occupa di definire le linee programmatiche del teatro attraverso l’ascolto della compagnia e delle esigenze del territorio, il confronto con le esperienze passate e con le attività svolte dagli altri teatri. Gestisce la macchina teatrale in tutti i suoi aspetti tecnici, burocratici, organizzativi, amministrativi, attraverso il reperimento delle risorse economiche necessarie per lo svolgimento degli spettacoli e il coordinamento del lavoro delle professionalità che a diverso titolo concorrono alla buona riuscita dell’evento teatrale.

CINEMA e TELEVISIONE

Il DIRETTORE DI PRODUZIONE segue e coordina le fasi necessarie alla realizzazione di una produzione televisiva o cinematografica. Cura l'organizzazione, la logistica tecnica e il regolare svolgimento della stessa, sia in fase di preparazione che di realizzazione. Svolge un ruolo di “interfaccia dialettica”, ossia di mediazione, persuasione e relazione tra la parte artistica e la parte tecnica e finanziaria della produzione. Propedeutiche a tutte le attività sono le riunioni di progettazione esecutiva, nelle quali il DIRETTORE DI PRODUZIONE definisce con il Produttore la “linea maestra” da seguire, vale a dire gli obiettivi da raggiungere, le risorse disponibili e le esigenze di tutti i reparti. Nell’ambito televisivo, questa attività viene realizzata con i dirigenti e i funzionari dell’emittente. Il DIRETTORE DI PRODUZIONE lavora di solito in società di produzione audiovisiva che forniscono servizi a aziende televisive o che creano in proprio prodotti audiovisivi. Raramente lavorano direttamente in grandi gruppi televisivi come RAI, Mediaset o La7.

Quali sono le condizioni di lavoro?

Il DIRETTORE DI PRODUZIONE è in genere un dipendente a tempo indeterminato, ma può svolgere la sua professione anche come consulente esterno in enti pubblici o come lavoratore autonomo. Nello svolgimento del suo lavoro, il DIRETTORE DI PRODUZIONE deve saper dialogare efficacemente con le altre funzioni aziendali.

L’orario di lavoro è standard e a tempo pieno e gli ambienti di lavoro sono normalmente luoghi di ufficio.

Attività e competenze

ATTIVITÀ

COMPETENZE

RISULTATI

Partecipa alla progettazione esecutiva di un prodotto audiovisivo, teatrale o pubblicitario

  • partecipare alle riunioni di verifica della fattibilità della produzione da realizzare
  • richiedere pareri/consulenze tecniche nel caso di problematiche sulle quali non ha competenza diretta
  • evidenziare eventuali criticità/problematiche tecniche poste dalla produzione da allestire
  • verificare con il team di progetto la fattibilità in funzione dei vincoli temporali e di budget
  • identificare in generale le risorse materiali, tecniche e umane richieste dalla produzione
  • elaborare con il team coinvolto un progetto più dettagliato rispetto agli input iniziali e il relativo budget

Piano di lavoro

Elabora il piano/programmazione delle attività di produzione

  • definire nel dettaglio le attività e i tempi della loro realizzazione, compresi i sopralluoghi per le diverse location
  • individuare le risorse umane da attribuire alle diverse attività previste
  • partecipare, se previsto, alla selezione delle risorse umane coinvolte nella produzione
  • predisporre le azioni necessarie alla contrattualizzazione del personale
  • distribuire i carichi di lavoro e definire gli orari giornalieri
  • definire le modalità per il reperimento di materiale e mezzi non disponibili necessari alla produzione

Programma delle attività

Coordina la struttura tecnica di produzione

  • coordinare quotidianamente le attività in base alla programmazione realizzata
  • assicurare la piena agibilità e disponibilità degli spazi da dedicare alle attività di produzione
  • curare gli aspetti amministrativi connessi con la produzione, quali il rilascio di autorizzazioni, liberatorie, permessi, ecc.
  • definire eventuali convenzioni con strutture alberghiere, ristorative, ecc. connesse con gli spostamenti della troupe in esterno
  • sovrintendere alle questioni logistiche e pratiche connesse con la produzione
  • prendere atto e risolvere le eventuali problematiche che possono intervenire rispetto al piano di attività programmato
  • amministrare le risorse umane in modo da garantire la continuità del lavoro, il rispetto dei modi e dei tempi di produzione (assenze, sostituzioni, ecc.)
  • vigilare sui contratti e gli adempimenti contrattuali
  • controllare costantemente l’efficace funzionamento della macchina produttiva al fine di garantire il rispetto dei tempi e dei vincoli di costo
  • supervisionare le attività di montaggio e sonorizzazione del prodotto da realizzare
  • garantire la conformità degli ambienti di lavoro, dei mezzi e delle attrezzature alle normative di sicurezza

Struttura tecnica di produzione gestita in funzione degli obiettivi da realizzare

Girato o spettacolo eseguito

Effettua la valutazione finale delle attività produttive

  • controllare e valutare la qualità del prodotto
  • analizzare la spesa di produzione ed effettuare il bilancio consuntivo dei costi valutando gli scostamenti dal budget preventivo
  • riprogettare nuovi interventi e progetti
  • verificare il rendimento dei professionisti coinvolti
  • verificare il successo/la vendibilità del prodotto

Girato o spettacolo eseguito valutato e consuntivo di spesa della produzione realizzata

Quali conoscenze è necessario avere?

Conoscenze specialistiche

  • Elementi di diritto amministrativo (rilascio permessi, liberatorie, autorizzazioni, ecc.)
  • Processi di lavoro televisivi, cinematografici, teatrali
  • Metodi e strumenti di gestione del personale
  • Metodi e strumenti di organizzazione del lavoro
  • Metodi e tecniche di valutazione e di fattibilità dei progetti
  • Metodi e strumenti (anche informatizzati) di pianificazione delle attività
  • Metodi e strumenti di coordinamento

Conoscenze generali

  • Elementi di contabilità industriale
  • Elementi di diritto del lavoro e applicazioni dei contratti
  • Elementi di tecnica commerciale
  • Normative di sicurezza del lavoro generali e specifiche di settore
  • Metodi tecniche di comunicazione
  • Metodi e tecniche di problem setting e problem solving
  • Metodi e tecniche di mediazione e gestione dei conflitti
  • Metodi e tecniche del lavoro di gruppo

Che cosa deve saper fare?

Abilità specialistiche principali

  • Applicare metodi e tecniche di valutazione e fattibilità di progetti
  • Applicare metodi e strumenti (anche informatizzati) di pianificazione delle attività
  • Applicare metodi e strumenti di organizzazione del lavoro
  • Applicare metodi e utilizzare strumenti di coordinamento
  • Applicare metodi e utilizzare strumenti di gestione del personale

Abilità generali principali

  • Applicare criteri e metodi di lettura di un bilancio preventivo e consuntivo
  • Applicare metodi e tecniche del lavoro di gruppo
  • Applicare metodi e tecniche di mediazione e gestione dei conflitti
  • Applicare metodi e tecniche di problem setting e problem solving
  • Applicare metodi e tecniche di comunicazione

Quali comportamenti lavorativi deve sviluppare?

Accuratezza

operare con precisione, minimizzando gli errori e ponendo una costante attenzione alla qualità e al controllo dei risultati del lavoro

Consapevolezza organizzativa

prestare attenzione ai segnali, ai cambiamenti e agli output che giungono dal contesto organizzativo; intuire evoluzioni e sviluppi; ascoltare e riconoscere le tendenze strategiche in atto

Determinazione nell’agire

decidere con prontezza, anche a fronte di informazioni scarse e/o indefinite, nell’ambito delle responsabilità assegnate

Leadership

guidare individui o gruppi, suscitare entusiasmo, assumere iniziative, motivare, prendere decisioni; saper delegare

Valorizzazione degli altri

concorrere allo sviluppo delle persone, far emergere le esigenze di crescita dando rilievo alle abilità di ciascuno; favorire l'apprendimento e lo sviluppo a lungo termine con un appropriato livello di analisi dei bisogni, di riflessione, di impegno; facilitare l’assunzione di responsabilità dei collaboratori valorizzandone le potenzialità

Percorso formativo formale

Non esiste un percorso formale definito per diventare DIRETTORE DI PRODUZIONE.

Come si sviluppa la carriera?

Come si sviluppa la carriera?

L’accesso al ruolo è in genere il risultato di un percorso di carriera che parte dal basso: prende avvio con un’esperienza di operatore, successivamente di tecnico e capo tecnico, per poi accedere, solo dopo parecchi anni (8-10) di pratica sul campo,al ruolo di direttore della produzione. In ambito cinematografico un ulteriore sviluppo di carriera può concretizzarsi nella possibilità di diventare produttore.

Informazioni

Volumi
  • AA.VV., 1997, Manuale delle professioni culturali, Utet, Torino
  • DE GAETANO D. RASSU N., 2002, Dietro la cinepresa. Cinque conversazioni sui mestieri del cinema, Lindau, Torino
  • GOLA G., 1979, Elementi di linguaggio cinematografico, la Scuola, Brescia
  • MACCHI A., MANUSARDI L., 1997, Come entrare nel mondo del cinema, Franco Angeli, Milano
  • Osservatorio Culturale del Piemonte, 2007, “Relazione annuale 2006”- Torino
  • PAVESI M., 1996,Cinema. Istruzioni per l’uso, Editrice Il Castoro, Milano
  • Studio di Area “Audiovisivi, spettacolo e Pubblicità” a cura dell’Isfol
  • CAPRETTINI G.P., ZENATTI S., 2005, Linguaggi televisivi, Carocci Editori, Roma
  • GRASSO A., 2004, Storia della televisione italiana, Garzanti, Milano
  • MONTELEONE F. (a cura di), 2006, Televisione ieri e oggi, Marsilio, Padova
Riviste

LIBERATORE G., Tv e documentario: un incontro possibile, seconda parte, newsletter del 19/04/2006

Siti

Video

Le interviste ai professionisti e gli approndimenti sui luoghi di lavoro.

Guarda i video

Statistiche

Analizza le statistiche del mercato del lavoro.

Guarda le statistiche