Figure Professionali
Professioni

Forestale

Il FORESTALE appronta piani di governo dei sistemi forestali e ambientali che consentano un uso ottimale e sostenibile delle risorse e che considerino le esigenze private e/o della collettività.

Progetta e gestisce i processi tecnologici, anche complessi, impiegati nel settore forestale, valuta l'ambiente forestale nelle parti che lo compongono e può intervenire con tecniche adeguate: 1) nella conduzione e difesa delle risorse boschive, prato-pascolive e faunistiche dell’ambiente forestale (Tecnico forestale); 2) nella gestione e difesa della risorsa suolo (Pedologo); 3) nell’utilizzo della produzione legnosa inclusa la filiera legno-energia (Tecnologo del legno); 4) nella tutela del patrimonio forestale naturale delle aree protette (Tecnico dei Parchi e delle alberate).

Interviene sui sistemi forestali per attuare strategie di ripristino ecologico e produttivo; progetta e realizza interventi forestali o/e pedotecnologici di recupero paesaggistico conformi ai regolamenti comunitari; definisce le strategie idonee a contenere le infestazioni di insetti e di altri agenti patogeni, limita i danni di avversità abiotiche e riporta alla normalità colturale i sistemi alterati.

Elabora progetti di carattere forestale e ambientale sostenibile in cui siano previsti interventi selvicolturali quali tagli boschivi ed assestamento forestale, interventi di prevenzione incendi boschivi, di conservazione della biodiversità, di ingegneria naturalistica per la difesa delle pendici, di indagine sui suoli, di gestione dei pascoli e degli allevamenti montani, di produzione vivaistica, di gestione delle superfici innevate, ecc.

leggi tutto

Figure di prossimità

Quali norme regolano la professione

Il FORESTALE può operare come libero professionista se iscritto all’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali (l’iscrizione è obbligatoria per esercitare il diritto di firma su documenti a valenza pubblica). Se si possiede un titolo di laurea triennale si è “Forestali Iunior” (sezione B dell’Albo) mentre se si è conseguito un titolo di laurea magistrale si è “Dottori Forestali” (sezione A dello stesso Albo) e si possono svolgere un maggior numero di attività più elevate rispetto al livello “Iunior” (art. 10 D.P.R 328/2001).

Non necessitano di iscrizione all’albo i DOTTORI FORESTALI dipendenti dello Stato “quando esercitano la loro attività professionale nell’esclusivo interesse dello Stato o della pubblica amministrazione” (art.3, comma 3, legge 152/1992).

Esiste inoltre un codice deontologico, aggiornato dal CONAF (Consiglio dell’Ordine Nazionale Dottori Agronomi e Forestali) il 13 giugno 2013 e consultabile sul sito: www.conaf.it.

Livello EQF

VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici

VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici

Che cosa fa

Attività

Descrizione

 Accoglie ed analizza le richieste dei committenti

 contrattando gli obiettivi del progetto, i costi ed i tempi di realizzazione

 Raccoglie ed analizza le informazioni già presenti

 utilizzando strumenti specifici, ad esempio la foto-interpretazione aerea e satellitare, oppure consultando carte vegetazionali, geo-litologiche, catastali, pedologiche, climatologiche ecc già esistenti

 Effettua le osservazioni e le misure di campagna e/o di laboratorio necessarie e ne interpreta i risultati

 utilizzando tecniche di rilevamento vegetazionale, pastorale e geomorfologico, nonché metodi di misura anche complessi nel campo della dendrometria, dendrocronologia, del rilevamento pedologico dei suoli, della topografia, delle costruzioni, della tecnologia del legno, della climatologia, della nivologia ecc.

 Produce documenti di cartografia anche con strumenti CAD-GIS

 adottando e sviluppando metodi tradizionali ed avanzati quali software dedicati, strumenti geomatici e Sistemi Informativi Territoriali finalizzati al progetto, utilizzando anche le moderne piattaforme ICT

 Programma interventi per la tutela dell’ambiente rurale non agricolo, pianifica interventi per la prevenzione antincendi boschivi e/o interventi di assestamento forestale

 elaborando piani regionali forestali, piani di assestamento forestale e di gestione dei tagli boschivi, piani di forestazione urbana, ecc.

 Elabora progetti operativi per interventi selvicolturali, pedologici o tecnologici

 in relazione alla normativa vigente, alla richiesta dei committenti e avendo cura della fruizione sostenibile del patrimonio naturale, della difesa del suolo e, ove necessario, della valorizzazione eco-compatibile della filiera legno. Definisce le linee di governo del bosco sia a valenza produttiva, sia protettiva. Valuta i rischi di perdita del soprassuolo per incendio. Opera per la difesa delle pendici dai processi erosivi e degradativi. Agisce sulle patologie biotiche ed abiotiche che colpiscono le coperture forestali. Interviene nella gestione della fauna selvatica. Effettua la valutazione economica e finanziaria degli interventi e stima i tempi e i costi delle attività anche in relazione ad aspetti relativi al risparmio energetico, all’utilizzazione di fonti rinnovabili di energia e agli eventuali aspetti costruttivi

 Progetta e gestisce la produzione vivaistica forestale (arboricoltura da legno)

 progettando e realizzando attività di coltivazione/commercializzazione di specifiche specie forestali

 Progetta la gestione dei pascoli

 definendo le caratteristiche pabulari, la sostenibilità dell’attività pastorale, le modalità di pascolamento ed il numero di animali adatto a non danneggiare i pascoli

 Progetta le costruzioni per ambienti forestali

 predisponendo le strutture, quali stalle, fienili, strade montane, rifugi, infrastrutture per il pascolo, progetti di costruzione di strade, canalizzazioni, briglie ecc. in base ad uno specifico progetto

 Verifica e monitora l'esecuzione dei piani e dei progetti

 presidiando il monitoraggio delle operazioni di campagna e dei processi produttivi, valutando la qualità del risultato in accordo con le esigenze della committenza e nel rispetto dei bisogni della comunità

Dove lavora? Ambienti e organizzazione

Il FORESTALE può lavorare in:

Pubbliche Amministrazioni

 

quali Assessorati, Servizi di difesa del suolo, Enti Parchi, Consorzi irrigui, ecc.

 

 

Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (A.R.P.A.)

 

che esercitano attività di controllo, supporto e consulenza tecnico-scientifica per le Regioni, le Province, i Comuni, le ASL

 

 

aziende private o studi tecnici

 

che offrono consulenze ad aziende pubbliche o a privati in ambito forestale e ambientale

 

 

Corpo Forestale dello Stato

 

che è una forza di polizia specializzata nella tutela dell'ambiente forestale

 

 

PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Le Pubbliche Amministrazioni si occupano della pianificazione ambientale e forestale elaborando documenti programmatici di riferimento e monitorandone l’applicazione. Il loro obiettivo principale è la corretta applicazione delle normative riferite al mondo forestale e della difesa del suolo.

AGENZIE REGIONALI PER LA PROTEZIONE AMBIENTALE (A.R.P.A.)

Le Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (A.R.P.A.) svolgono attività di supporto e consulenza tecnico-scientifica per gli enti istituzionali, finalizzate alla tutela ed al controllo ambientale ed alla prevenzione e previsione dei rischi naturali.

In questo caso, l’attività del FORESTALE consiste prevalentemente nella realizzazione dei controlli di conformità di impianti/aziende alla normativa forestale e ambientale vigente (ad esempio in materia di inquinamento o per la Valutazione d’Impatto Ambientale o per la previsione/prevenzione di frane e valanghe).

AZIENDE PRIVATE O STUDI TECNICI

Gli Studi Tecnici e le aziende private operano privatamente attraverso consulenze specialistiche legate a interventi e progetti di tutela ambientale. Molto spesso gli studi vedono la collaborazione di più professionisti quali ingegneri, architetti, naturalisti, tecnici faunistici, pedologi e agronomi.

Il FORESTALE può intervenire nella progettazione e realizzazione delle Valutazioni di Impatto Ambientale (VIA).

CORPO FORESTALE DELLO STATO

Si tratta di una forza di polizia specializzata nella tutela dell’ambiente e dell’ecosistema: in questo caso il FORESTALE è un funzionario di stato e si occupa prevalentemente della rilevazione delle infrazioni in ambito forestale.

Quali sono le condizioni di lavoro?

Il FORESTALE, nelle sue diverse accezioni (Forestale, Pedologo, Tecnologo del legno) opera o in qualità di libero professionista o in aziende pubbliche e private che ne richiedono la competenza e consulenza tecnica e/o tecnologica.

Nel suo lavoro collabora attivamente con altri professionisti (ingegneri, architetti, naturalisti, agronomi, tecnici faunistici, ecc…) in grado di offrire altri punti di vista rispetto alle caratteristiche ambientali di un determinato territorio.

I tempi di lavoro sono generalmente dettati dai progetti nei quali è coinvolto.

Attività e competenze

ATTIVITÀ

COMPETENZE

RISULTATI

Accoglie e analizza le richieste dei committenti

  • raccogliere i bisogni e gli obiettivi della committenza
  • individuare le soluzioni progettuali funzionali alle caratteristiche ambientali e forestali dell’area ed al bisogno espresso

Mandato professionale conferito al singolo professionista o ad un'organizzazione

Raccoglie ed analizza le informazioni già presenti

  • analizzare la documentazione già prodotta in riferimento al territorio di competenza, all’obiettivo del lavoro, al bisogno ambientale
  • leggere documenti cartografici diversi
  • individuare eventuali rilevazioni aggiuntive necessarie

Documenti di sintesi e individuazione eventuali informazioni mancanti

Effettua le osservazioni e le misure di campagna e/o di laboratorio necessarie e ne interpreta i risultati

  • coordinare e gestire attività e persone per il rilevamento
  • utilizzare la strumentazione specifica per l’osservazione ed il prelievo dei campioni
  • vigilare sul corretto svolgimento dei lavori
  • individuare e gestire i fattori di rischio specifico che si presentano nello svolgimento dei lavori
  • leggere i risultati delle analisi chimiche effettuate in laboratorio
  • classificare le informazioni in base alle caratteristiche emerse dall’osservazione e dall’analisi in laboratorio

Rapporti e data base

Valutazioni critiche della fertilità della stazione

Valutazione chimica e biologica dei suoli

Valutazione dei processi pedo-evolutivi

Suoli classificati

Produce documenti di cartografia anche con strumenti CAD-GIS

  • leggere informazioni raccolte in database
  • consultare documenti cartografici già esistenti
  • utilizzare software avanzati di produzione cartografica

Modelli DTM, cartografie dinamiche digitali, cartografie classiche con relative relazioni e legende

Programma interventi per la tutela dell’ambiente rurale non agricolo, pianifica interventi per la prevenzione antincendi boschivi e/o interventi di assestamento forestale

  • elaborare i piani regionali per la gestione ambientale e forestale del territorio
  • progettare interventi specifici sulla base delle indicazioni dei piani regionali
  • vigilare sulla corretta realizzazione dell’intervento
  • programmare il collaudo dell’intervento realizzato
  • verificare periodicamente la qualità dell’intervento realizzato

Piani regionali per la gestione ambientale e forestale (Piano Regionale Forestale, Piano di Assestamento, Piano Antincendi Boschivi, ecc.)

Elabora progetti operativi per interventi selvicolturali, pedologici o tecnologici

  • progettare operativamente interventi sulla base delle evidenze raccolte e in grado di rispondere al bisogno del cliente
  • elaborare programmi e progetti completi di costi e tempi
  • redigere un rapporto che faciliti il cliente nella lettura e comprensione delle proposte

Progetto operativo

Progetta e gestisce la produzione vivaistica forestale (arboricoltura da legno)

  • individuare la localizzazione più idonea per una determinata specie forestale
  • realizzare l’impianto vivaistico
  • far realizzare gli interventi colturali (concimazione, semina, raccolta)
  • scegliere le piante con requisiti per la commercializzazione (dimensione, stato fitosanitario, conformazione)

Vendita/distribuzione di piantine per rimboschimento

Progetta la gestione dei pascoli

  • analizzare le caratteristiche ambientali dell’area adibita al pascolo
  • definire un piano di pascolo che preveda un carico di animali adatto alle caratteristiche dell’ambiente
  • controllare l’effettiva applicazione del piano di pascolo

Piano di pascolo

Progetta le costruzioni per gli ambienti forestali

  • raccogliere i bisogni e gli obiettivi della committenza
  • individuare le soluzioni progettuali funzionali alle caratteristiche pedoclimatiche dell’area
  • vigilare sul corretto svolgimento dei lavori
  • verificare periodicamente lo stato di conservazione della costruzione realizzata

Costruzione forestale (stalle, fienili, strade montane, rifugi forestali, ecc.)

Verifica e monitora l’esecuzione dei piani e dei progetti

  • progettare e realizzare interventi di valutazione delle attività realizzate
  • evidenziare eventuali scostamenti tra obiettivi previsti e risultati conseguiti
  • proporre interventi correttivi volti a sanare eventuali problematiche emerse in fase di realizzazione e valutazione
  • progettare e realizzare visite di controllo per verificare la conformità alla normativa ambientale vigente

Relazioni e comunicazioni in italiano o in lingua veicolare secondo standard e formati consueti nel mondo tecnico-scientifico

Computo metrico consuntivo

Quali conoscenze è necessario avere?

Conoscenze specialistiche

  • Selvicoltura applicata, assestamento forestale, dendrometria
  • Idraulica e sistemazioni idraulico-forestali
  • Tecnologia del legno e utilizzazioni forestali
  • Meccanica e meccanizzazione forestale
  • Alpicoltura e pastoralismo
  • Pedologia applicata e geografia dei suoli
  • Biologia e microbiologia del suolo e delle acque
  • Patologia ed entomologia forestale
  • Prevenzione degli incendi boschivi
  • Prevenzione frane e valanghe, ingegneria naturalistica ed inerbimenti tecnici

Conoscenze generali

  • Ecologia e Selvicoltura
  • Botanica e Genetica forestale
  • Zoologia e faunistica
  • Scienze della Terra e del Suolo 
  • Alpicolture
  • Cartografia, topografia e geomatica (CAD-GIS)
  • Economia ed estimo forestale, Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA)
  • Diritto amministrativo

Che cosa deve saper fare?

Abilità specialistiche principali

  • Applicare tecniche di pianificazione forestale, tecniche di calcolo dei valori biometrici relativi ad un albero o ad un bosco
  • Applicare tecniche di prevenzione incendi nonché di mitigazione del rischio pedo-ambientale o di recupero di cave, torbiere e discariche
  • Applicare tecniche cartografiche e geomatiche di analisi territoriale da foto aeree, immagini satellitari o da modelli digitali
  • Applicare tecniche di analisi e progettazione del paesaggio forestale e del territorio
  • Applicare tecniche di prevenzione e cura delle fitopatie di origine biotica ed abiotica
  • Applicare tecniche di pianificazione e monitoraggio del carico di bestiame al pascolo
  • Applicare tecniche di analisi e classificazione dei suoli anche a fini cartografici
  • Applicare tecniche per lo studio e la protezione della fauna selvatica
  • Applicare tecniche di analisi del territorio nelle sue componenti ambientali e antropiche
  • Applicare tecniche di analisi della qualità e delle caratteristiche fisico-meccaniche del legno

Abilità generali principali

  • Applicare tecniche di monitoraggio di un piano di lavoro
  • Applicare procedure di sicurezza nei cantieri
  • Applicare tecniche di analisi aziendale dei costi
  • Applicare procedure di pianificazione delle attività
  • Utilizzare software di disegno tecnico e GIS
  • Utilizzare tecniche di rilevamento vegetazionale e pedologico
  • Utilizzare tecniche per la gestione dell’allevamento zootecncico
  • Applicare le normative ambientali nazionali ed europee

Quali comportamenti lavorativi deve sviluppare?

Accuratezza

operare con precisione, minimizzando gli errori e ponendo una costante attenzione alla qualità e al controllo dei risultati del lavoro

Determinazione nell’agire

decidere con prontezza, anche a fronte di informazioni scarse e/o indefinite, nell’ambito delle responsabilità assegnate

Flessibilità-Adattabilità

modificare comportamenti e schemi mentali in funzione delle esigenze del contesto lavorativo, sapersi adattare ai cambiamenti e alle emergenze, lavorare efficacemente in situazioni differenti e/o con diverse persone o gruppi

Logica-Pensiero analitico

comprendere le situazioni, scomponendole nei loro elementi costitutivi, individuando relazioni e sequenze cronologiche e valutare le conseguenze in una catena di cause ed effetti

Orientamento al cliente/utente

anticipare, riconoscere e soddisfare le esigenze del cliente interno/esterno e predisporre soluzioni personalizzate, efficaci e soddisfacenti dal punto di vista della qualità del servizio reso

Percorso formativo formale

Il FORESTALE è un laureato in Scienze Forestali e Ambientali (nello specifico nelle classi di laurea L-25, LM-73 o LM-86), che abbia sostenuto nel suo “piano di carriera” universitario esami caratterizzanti negli insegnamenti di Botanica forestale, Selvicoltura, Pedologia, Alpicoltura, Faunistica, Topografia, Tecnologia del legno, Entomologia e Patologia forestale, Protezione dagli incendi boschivi, Sistemazioni idraulico-forestali, Costruzioni forestali, Economia forestale oltre ad esami specialistici integrativi di natura selvicolturale, pedologica, ingegneristica e zootecnica.

Come si sviluppa la carriera?

Le traiettorie di carriera possibili per il FORESTALE sono soprattutto di tipo orizzontale nel senso di un ampliamento delle proprie competenze e quindi dei servizi che è possibile offrire. In alcuni casi è possibile acquisire crescenti responsabilità legate a funzioni di coordinamento di gruppi di lavoro.

Informazioni

Ascolta i consigli di Gianfranco Corgiat Loia, ex Direttore del Servizio Agricoltura Regione Piemonte

Volumi

UNCEM – CENSIS, 2002, Il valore della montagna - rapporto di sintesi, Roma

Riviste
  • Agronomi forestali, CONAF
  • Il Forestale, Corpo Forestale dello Stato
  • Agriculture, FIDAF
Siti

Video

Le interviste ai professionisti e gli approndimenti sui luoghi di lavoro.

Guarda i video

Statistiche

Analizza le statistiche del mercato del lavoro.

Guarda le statistiche